Un nuovo libro bianco sulla trasformazione digitale nei servizi finanziari e nel settore assicurativo in tempo di coronavirus. A pubblicarlo, Fincons Group, società internazionale specializzata nella consulenza business It e nella system integration, che lo ha reso disponibile gratuitamente a questo link.

Il documento, scritto in lingua inglese e denominato The coming of age of digital transformation in financial services & insurance, ha l'obiettivo di fare il punto sulla preparazione digitale dei due business nell'epoca del Covid e di evidenziarne le lacune.

Il libro bianco racconta proprio che cosa è mancato in tempo di emergenza: Fincons sottolinea che, nel periodo del lockdown, persino le banche e le assicurazioni che avevano investito, anche pesantemente, in tecnologia e digitale hanno fatto fatica a soddisfare gli alti volumi di domande provenienti da correntisti o assicurati. Mentre chi è rimasto indietro ha accumulato ritardi su ritardi, provocati dalla lentezza dei processi manuali di fronte alla moltiplicazione delle richieste da parte della clientela.

Quattro, in particolare, le lacune individuate: sistemi legacy obsoleti; resistenza ai cambiamenti da parte dei top management, competenze interne inadeguate e frammentazione dei sistemi.

Oltre a evidenziare i gap, il documento evidenzia ciò che sarebbe stato necessario fare per lavorare in maniera corretta, suggerendo alcune soluzioni pratiche per recuperare. Nel dettaglio, il white book ha posto enfasi sulle esigenze di migliorare la user experience, dare il via all’onboarding digitale, semplificare la collaborazione video, automatizzare, introdurre l’intelligenza artificiale e studiare nuovi, migliori sistemi antifrode.