Tab Magazine

Tecnologie per assicurazione e banche

Real estate, dai Grigioni una società basata su blockchain e crypto

Nasce a St Moritz Qbc Engadine sa. L’azienda ha in progetto la realizzazione di sei unità immobiliari e prevede di consentire ai soci il libero scambio delle quote di un’azienda mediante la “catena dei blocchi”, senza necessariamente passare dal notaio.

Gianluca Massini Rosati, amministratore delegato di Qbc Engadine sa

 

Realizzare iniziative immobiliari con il solo utilizzo della blockchain – senza, cioè, l’intervento di un notaio. E’ il core business di Qbc Engadine sa, nuova società con sede a St Moritz, che vuole sfruttare le norme tradizionalmente sburocratizzate esistenti in Svizzera e le caratteristiche della “catena dei blocchi”.
La start up grigionese, annunciata oggi, ha in progetto la realizzazione di sei unità immobiliari e prevede di consentire ai soci il libero scambio delle quote di un’azienda mediante la blockchain, senza necessariamente passare dal notaio. “Il venditore trasferirà i token detenuti nel suo wallet, a quello dell’acquirente”, afferma l’amministratore delegato Gianluca Massini Rosati, “e automaticamente verrà trasferita la proprietà della partecipazione societaria”.
Vari i promotori dell’iniziativa. Quantico Business Club, circolo di imprenditori che ha l’obiettivo di facilitare la condivisione di informazioni e di creare nuove relazioni; Terrabitcoin Club (formata da investitori in crypto e Luxochain) che, in accordo con la normativa svizzera, si occuperà di “tokenizzare” le quote della società; Manuel Tenca, fondatore di The Great Living Estate, agenzia che si occupa di identificare e ristrutturare immobili in Engadina.

Show Buttons
Hide Buttons