Tab Magazine

Tecnologie per assicurazione e banche

Grandi manovre per Revo

La spac ha stretto una partnership con Mangrovia, holding di partecipazioni e software house specializzata nella blockchain. E ha raggiunto un accordo vincolante con Elba Assicurazioni, che la porterà ad acquisire il 100% della compagnia specializzata nel ramo cauzioni

Alberto Minali

 

Revo ha siglato una partnership vincolante con Mangrovia, holding di partecipazioni e software house specializzata nella blockchain. L’accordo, firmato ieri e annunciato alcune ore fa, ha come obiettivo l’avvio di una collaborazione in ambito digitale. In particolare, l’azienda tecnologica svilupperà soluzioni informatiche e digitali basate sulla “catena dei blocchi”, i cui diritti saranno di proprietà di Revo.

 

In partnership con Mangrovia

La spac guidata dall’ad Alberto Minali entrerà con il 10% nel capitale sociale di Mangrovia (il cui maggior azionista è Angelomario Moratti, figlio di Massimo, il presidente del triplete interista) e nominerà un consigliere di amministrazione; il corrispettivo è di 2 milioni di euro, a cui si potrà aggiungere un earn out a 24 mesi fino a 800 mila euro nel caso in cui siano raggiunti gli obiettivi di piano.
Le soluzioni di Mangrovia serviranno a Revo per realizzare prodotti assicurativi parametrici basati su smart contract; queste offerte, realizzate con la blockchain, puntano a spostare il focus dall’accertamento del danno alla certificazione automatica che un certo evento si è verificato. Il che permetterebbe la liquidazione automatica della prestazione.

 

L’acquisto di Elba Assicurazioni

L’accordo è condizionato al perfezionamento dell’acquisizione di Elba Assicurazioni, anch’esso siglato ieri e annunciato oggi. Un’operazione, quest’ultima, con cui la spac ha identificato la società target per il lancio e lo sviluppo futuro del suo progetto. E che tra le ragioni, oltre all’interesse nel ramo cauzioni (in cui opera Elba) ha anche motivi tecnologici. Da una parte, afferma Revo, l’architettura informatica della compagnia è priva di particolari legacy; dall’altra, l’acquisizione apre le porte a un’altra operazione, con cui Elba diventerà proprietaria dei codici sorgente dei sistemi informatici utilizzati per la vendita e gestione dei prodotti sulla rete distributiva”. Codici che sono ora di una società terza.
L’assicurazione costerà 160 milioni se assemblea Revo e Ivass daranno luce verde all’operazione entro il 30 settembre; in caso contrario, il corrispettivo sarà di 150 milioni, più un importo che dipenderà dal risultato netto maturato dal 31 dicembre 2020 fino al closing dell’operazione.

Enrico Levaggi

Show Buttons
Hide Buttons