Tab Magazine

Tecnologie per assicurazione e banche

Marsh raduna un gruppo di assicuratori per valutare i prodotti di sicurezza informatica

Si tratta di Allianz, Axis, Axa Xl, Beazley, Cfc, Munich Re, Sompo International e Zurich North America

La sede di Marsh. Foto di Americasroof pubblicata sotto la licenza CC BY-SA 3.0

 

Marsh lancia Cyber Catalyst, programma che consiste nella valutazione dei prodotti per la sicurezza informatica. A “dare i voti”, diciamo così, sarà un gruppo di compagnie assicurative impegnate nelle coperture del cyber risk. Il programma ha preso le mosse dalle due domande più comuni che, secondo Thomas Reagan, cyber practice leader di Marsh, i clienti pongono ai broker sul rischio cyber. E cioè: “Quali prodotti e servizi di sicurezza informatica dovrei utilizzare?” (domanda che comprende anche le soluzioni che non sono conosciuti dagli utenti). E: “Se utilizzo questi prodotti e servizi, che valore hanno per il mio assicuratore e per il mio programma assicurativo?”.
A rispondere sarà, come già accennato, un gruppo di assicuratori impegnati nelle polizze cyber che coprono i maggiori rischi provenienti dalla rete, come i data breach, l’interruzione del business, il furto o la contraffazione dei dati e l’estorsione cyber.
Il primo gruppo di compagnie incluse nel panel sarà composto da Allianz, Axis, Axa Xl (divisione del gruppo francese), Beazley, Cfc, Munich Re, Sompo International e Zurich North America. Microsoft parteciperà all’iniziativa come consulente tecnico, mentre Marsh non prenderà parte alle valutazioni.
I prodotti “promossi” dal panel di compagnie riceveranno la designazione di Cyber Catalyst; le aziende che sceglieranno i prodotti con questa certificazione avranno la possibilità di ottenere migliori condizioni su qualsiasi polizza cyber distribuita dalle compagnie che partecipano all’iniziativa.

 

 

Show Buttons
Hide Buttons