Tab Magazine

Tecnologie per assicurazioni e banche

Borsa del Credito diventa Opyn

Il cambiamento di nome e marchio coincide anche con la fine del percorso di trasformazione della società da piattaforma di prestiti peer to peer a finanziatore digitale e lending as a service platform

Ivan Pellegrini

 

Borsa del Credito cambia nome. La fintech che si occupa di prestiti alle piccole e medie aziende si chiamerà infatti Opyn. Una denominazione che, spiega una nota, deriva dalle parole inglesi open e pin, con il successivo inserimento di una y al posto della i.
Il cambiamento di nome e marchio coincide anche con la fine del percorso di trasformazione della società, nata nel 2012, dall’originale ruolo di piattaforma di prestiti peer to peer a finanziatore digitale e lending as a service platform.
La società, che guarda anche all’espansione internazionale, ha chiuso il primo semestre 2021 con circa 6 milioni di euro di ricavi (contro i 4 di tutto il 2020) e circa 2 milioni di Ebitda positivo.
Secondo il ceo Ivan Pellegrini, “la trasformazione segue la nostra naturale evoluzione e quella del mercato. Nel prossimo futuro”, aggiunge, “il lending digitale diventerà parte integrante dei servizi che le banche offriranno all’economia reale. E sarà una nuova linea di business delle grandi aziende non finanziarie”.

Alberto Mazza

Show Buttons
Hide Buttons